Omega 3: cosa sono e a cosa servono

Gli Omega 3 sono degli acidi grassi polinsaturi, che si dimostrano, secondo ciò che ha appurato la ricerca scientifica, molto importanti nella prevenzione e nella cura delle malattie infiammatorie in generale e di alcune patologie in particolare che interessano il sistema cardiovascolare. Insieme agli Omega 6 si applica ad essi la definizione di “essenziali”. Questo significa che non possono essere sintetizzati dall’organismo. Per tal motivo dobbiamo introdurli nel nostro corpo attraverso la dieta.

Gli acidi grassi Omega 3 sono contenuti soprattutto in alcuni cibi, come gli oli di lino, nelle verdure a foglia verde, nel grasso dei pesci che vivono nei mari freddi. Introducendoli costantemente nella nostra alimentazione quotidiana, possono avere effetti benefici, come, per esempio, il controllo del ritmo cardiaco e della pressione arteriosa.

Il loro meccanismo d’azione risulta complesso nel suo insieme. Gli esperti spiegano che soprattutto essi agiscono nell’incentivare l’aumento della fluidità delle membrane cellulari. Gli Omega 3 possono essere utili in caso di arteriosclerosi, di artrite reumatoide, di colite ulcerosa. Inoltre risultano importanti per contrastare alcune malattie della pelle, come psoriasi e dermatiti.

Intervengono nel contrastare patologie varie, come asma allergico, diabete, e sono importanti per lo sviluppo cognitivo. Una carenza di acidi grassi essenziali può comportare il manifestarsi di diversi disturbi. Fra questi possiamo ricordare l’arresto della crescita e delle manifestazioni della cute legate allo sviluppo delle membrane cellulari.

Inoltre una carenza di Omega 3 può comportare un maggiore rischio di essere esposti alle malattie cardiovascolari, di patologie cronico-degenerative, infiammatorie e di quelle che interessano il sistema immunitario. Gli Omega 3 nel nostro organismo sono presenti in concentrazioni minori rispetto a quelle che riguardano gli Omega 6. Tuttavia la loro presenza interessa un numero maggiore di cellule, per cui gli studiosi ritengono che proprio gli Omega 3 abbiano un ruolo biologico molto più rilevante da considerare.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *