Social card in Sicilia: Crocetta studia una tessera ricaricabile regionale

social card sicilia crocetta
0 social
clic
0 Flares ×

La social card in Sicilia potrebbe ritornare grazie allo studio da parte del governo Crocetta di una nuova tessera ricaricabile regionale, che dovrebbe costituire lo strumento per garantire un’integrazione mensile del reddito delle famiglie siciliane meno abbienti. In particolare si tratterebbe di un fondo che dovrebbe essere destinato ai nuclei familiari che hanno un reddito inferiore ai 5.000 euro annui. Uno staff di collaboratori dell’assessore Luca Bianchi è già al lavoro per questo progetto, per studiare anche i contributi da fornire alle famiglie in base ai vari casi che si presentano, ad esempio per le famiglie in cui sono presenti disabili. Il valore del contributo mensile varierà anche in base al numero dei componenti del nucleo familiare.

Le famiglie siciliane dovranno adesso attendere che la Regione metta a punto le norme precise, specificando i requisiti richiesti per ottenere la social card. Si deve pensare però anche ai fondi ai quali attingere per il finanziamento di questo progetto. Al momento ci sono 40 milioni di euro che provengono dai risparmi dei cofinanziamento regionali del piano di azione e coesione. Ma la somma dovrebbe presto aumentare, grazie anche al taglio delle Province in Sicilia annunciato dallo stesso governo regionale.

Spiega l’assessore Bianchi: “Pensiamo a un’integrazione mensile per dare un aiuto a chi è al di sotto della soglia di sussistenza, ancora più bassa della soglia di povertà. A livello statale ha funzionato bene: stiamo studiando come regolarne la distribuzione in Sicilia. Di certo, la social card ci dà una grande opportunità. Quella di evitare la pericolosa intermediazione fra chi eroga il contributo e il beneficiario. E con questo sistema non si rischia di creare una nuova categoria di assistiti che resta poi magari a carico della Regione. Su questi principi c’è l’assoluta sintonia con il presidente Crocetta, con il quale mi confronterò nei prossimi giorni”.

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Close
Ci lasci un mi piace?
Clicca mi piace per leggere!
0 social
clic
Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 Pin It Share 0 Email 0 0 Flares ×